Abiti da sposa, quali gli stili più diffusi

Nonostante negli ultimi anni abbia visto un calo delle cerimonie, il matrimonio conserva sempre un certo fascino e resta un evento speciale e sognato, soprattutto da parte delle donne. Tante infatti immaginano quel giorno, vestite con un bellissimo abito e affiancate dal loro “principe azzurro”. Le donne sono infatti le protagoniste, con la loro bellezza ed il vestito ad esaltarla. Un vestito spesso scelto dopo tanto girovagare per bellissimi ateliers, come The Woman in White nella Capitale, che presentano abiti da sposa a Roma per tutti i gusti, le esigenze e gli stili desiderati. A proposito di questi ultimi, andiamo a conoscere meglio quelli più diffusi o celebri.

 

Classico: il vestito da sposa tradizionale (o con stile ad “A” o a Trapezio) conserva sempre il suo fascino, grazie ad un disegno spesso elegante e raffinato, ma al tempo stesso sobrio. Questo tipo di abito ha la parte del bustino stretta per allargarsi pian piano dalla vita in giù. Si può indossare con strascico o senza;

 

Principessa: definito così perchè ricorda linee e stile degli abiti appunto delle principesse, è uno dei più sognati e ricercati dalle future spose. Si distingue per avere un corpetto stretto e finemente ricamato e presenta una gonna ampia, a formare delle onde che possono terminare con un eventuale strascico, anche molto lungo;

 

A sirena: dalle linee che ricordano questa figura marina leggendaria, evidenzia un corpetto molto stretto che continua lungo il corpo, per poi aprirsi vistosamente a formare una sorta di coda, in genere dal ginocchio in giù, che scende a terra con un piccolissmo strascico. Questo è un tipo di abito molto sensuale e affascinante;

 

Scivolato: ricorda molto lo stile degli abiti lunghi da sera, si presenta spesso con spalline e tende a cadere dolcemente verso terra, seguendo le linee del corpo senza restringere troppo questo. E’ molto apprezzato dalle future spose in quanto offre eleganza ma al tempo stesso una certa sobrietà nel disegno;

 

Corto: indicato soprattutto per le cerimonie civili, può essere sia “mini” che “al ginocchio” e riprende generalmente un pò le forme del tailleur, anche se può ricordare lo stile dell’abito a principessa ma in miniatura, con bustino stretto ed una gonna larga ma corta appunto. E’ un tipo di abito molto giovanile con linee dolcemente sbarazzine;

 

Stile Impero: evidenzia eleganza e semplicità delle forme e si caratterizza per un netto taglio al di sotto del seno e da qui poi si allarga scendendo dolcemente lungo i fianchi, con una gonna comoda e discretamente voluminosa. Tali linee permettono di esaltare la parte superiore del fisico della futura sposa, incorniciata da un corpetto rigido.    

Comments

comments